Home Ultime Notizie Conte da Scanzi: “Non è colpa dei cittadini se vanno a fare...

Conte da Scanzi: “Non è colpa dei cittadini se vanno a fare shopping”

1563
10
conte-accordi-e-disaccordi-nove
conte-accordi-e-disaccordi-nove

Conte da Scanzi – Giuseppe Conte, presidente del Consiglio dei Ministri, ha parlato in una lunga video intervista ai microfoni di Accordi e Disaccordi, programma condotto da Andrea Scanzi su Nove. Conte si è soffermato sulle possibili nuove restrizioni nel periodo natalizio. Ecco alcune delle sue dichiarazioni più importanti:

“Lockdown a Natale? Stiamo lavorando proprio in queste ore, ci siamo confrontati ancora una volta per cercare di rinforzare il piano natalizio. C’è stata una ulteriore interlocuzione con gli esperti, loro stessi ci hanno consigliato qualche misura aggiuntiva. Dobbiamo scongiurare in ogni modo una 3° ondata. Dobbiamo arrivare a gennaio in condizioni di massima resilienza per evitare di subire la 3° ondata. Le misure ora stanno funzionando, l’RT è sceso sotto l’1”.

“Le persone hanno tanta voglia di vivere le festività, con esplosione di occasioni di festività. Non ce lo possiamo permettere purtroppo. Qualche intervento aggiuntivo lo faremo“.

Conte da Scanzi, le parole del premier a Nove

“Nessun lockdown come in Germania? Non mi fate dare anticipazioni per favore, oggi abbiamo fatto delle ipotesi ma dobbiamo continuare a lavorare”.

Colpa del Governo se la gente va a fare shopping? Di sicuro non direi che non è colpa dei cittadini, la stra grande maggioranza ha comportamenti responsabili. Nonostante la pandemia si stia protraendo. Venendo al piano Cashback, è un discorso un po’ diverso. Siamo consapevoli che il settore in sofferenza è quello dei negozi e del commercio. Quella è una riforma di sistema, stiamo cambiando le abitudini dei cittadini offrendo sconti se si utilizzano i pagamenti digitali”.

“A livello politico abbiamo preso una scelta precisa. Andate a comprare nei negozi fisici, facciamolo tutti in modo ordinato. Se il risultato è affollamenti per le strade, non è quello che avremmo sperato. Alla luce di quello che sta succedendo, dobbiamo mantenerci flessibili se vogliamo ottenere il risultato, ovvero la salute dei cittadini”.

“Purtroppo questo virus non è facile da controllare. D’estate ci siamo trovati con un RT prossimo allo zero, nonostante ciò è esplosa una seconda ondata. Adesso ci viene detto che non c’è la certezza della terza ondata, nessuno qui ha una palla di vetro”.

“Quando si torna a scuola? Stiamo lavorando fortemente per far tornare in presenza tutti il 7 gennaio. Stiamo lavorando con i trasporti locali di tutte le regioni”.

conte-intervista-la-stampa-restrizioni-natale
conte-intervista-la-stampa-restrizioni-natale
Articolo precedenteBerlusconi vaccino anti Covid: “Pronto a farlo pubblicamente”
Articolo successivoFestività di dicembre in tutto il mondo: sorpresa in Islanda

10 Commenti

  1. Its like you read my mind! You seem to know so much about this, like you wrote the book in it or something. I think that you can do with some pics to drive the message home a bit, but other than that, this is wonderful blog. A great read. I’ll certainly be back.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui