Home Covid Crisanti vaccino: “No, così a gennaio non lo farei”

Crisanti vaccino: “No, così a gennaio non lo farei”

1211
11
andrea-crisanti-mascherina
andrea-crisanti-mascherina

Crisanti vaccino – Le dichiarazioni di Andrea Crisanti sul vaccino anti Covid. Le ultime notizie dal mondo e dall’Italia le ultime notizie sul coronavirus tutte le ultime news aggiornate.

Senza avere dati su sicurezza ed efficacia, Andrea Crisanti non farebbe il primo vaccino anti coronavirus in arrivo a gennaio.

Lo ha detto ieri, 19 novembre 2020, il virologo, ospite nello studio di Focus Live, sottolineando come le motivazioni risiedano nei tempi di approvazione dello stesso.

Senza dati no. Perché voglio essere rassicurato che sia un vaccino che è stato testato e che soddisfi tutti i criteri di sicurezza e efficacia. Io – ha spiegato Crisantipenso che come cittadino ne ho diritto e non sono disposto ad accettare scorciatoie“.

E ancora:I vaccini funzionano, io sono favorevolissimo ai vaccini, sia ben chiaro – ha sottolineato il virologo -. Però questi vaccini sono stati sviluppati saltando la sequenza Fase 1, Fase 2, Fase 3. Perché chiaramente hanno avuto fondi statali e quindi si sono potuti permettere di fare insieme le tre fasi, perché i rischi erano di chi aveva dato i quattrini. Però facendo Fase 1, Fase 2 e Fase 3 in parallelo, di fatto – ha spiegato ancora Crisanti – ci si porta dietro tutti i problemi delle varie fasi. Quindi è vero che si arriva prima, però dopo c’è bisogno di tutto un processo di revisione che non è molto facile da fare”.

contact-tracing-crisanti-google
contact-tracing-crisanti-google

Fonte: Adnkronos

Articolo precedenteMara Carfagna isolamento: contatto con positivo al Covid
Articolo successivoOrdinanza Speranza oggi: niente cambio colore per queste regioni

11 Commenti

  1. […] “Ho detto che vorrei essere sicuro che questo vaccino sia stato opportunamente testato e che soddisfi… perché gran parte di questa ricerca è fatta con quattrini pubblici e io i dati non li ho visti. Se non li conosco, non mi vaccino. Non mi sembra di chiedere una cosa assurda, vorrei trasparenza e visione dei dati, vorrei capire come è fatto quel campione e se ci sono sbilanciamenti. Perché sono stato attaccato? Perché l’ambiente scientifico italiano è provinciale. Il direttore del British Medical Journal è stato molto critico sulle procedure. E anche quello di Nature. Quindi mi sento in buona compagnia. Io ho chiesto solo trasparenza. Se la politica spinge per il vaccino? E’ naturale! Siamo in un’emergenza e le aspettative dei cittadini sono quelle di uscirne fuori e la politica intercetta queste aspettative. Ma voglio dire una cosa: la trasparenza genera fiducia”. […]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui