Home Covid Speranza sul nuovo DPCM: “Mascherine obbligatorie all’aperto e più controlli”

Speranza sul nuovo DPCM: “Mascherine obbligatorie all’aperto e più controlli”

762
0
speranza-parla-aula
speranza-parla-aula

Speranza illustra il nuovo DPCM. Le ultime notizie dall’Italia e dal mondo sul coronavirus e tutti gli aggiornamenti in tempo reale 24 ore su 24 anche sul nuovo DPCM illustrato dal ministro.

“Il quadro da agosto è peggiorato, i casi sono in aumento in tutta Italia”, ha detto Speranza a Montecitorio.

Il ministro della Salute ha proseguito: “Chiediamo uno sforzo a tutti. Quando si incontrano amici e familiari non conviventi bisogna indossare le mascherine.

Roberto Speranza ha poi avvertito: “L’emergenza non è finita, anzi, è tempo di un primo rafforzamento anti-contagio.

Sulle relazioni interpersonali: “La stragrande maggioranza dei contagi avviene in relazioni amicali“.

Sul nuovo DPCM: “Le mascherine saranno obbligatorie anche all’aperto e saranno aumentati i controlli contro gli assembramenti, senza dimenticare il distanziamento sociale”.

Sulle scelte autonome: “Le Regioni potranno assumere misure ancora più restrittive, ma ora serve coordinamento ancora più forte degli scorsi mesi”.

Sul confronto con le altre nazioni: “Dobbiamo alzare il livello di guardia, nella consapevolezza che il nostro Paese sta meglio rispetto ad altri Stati europei.

“Nonostante ciò non dobbiamo farci illusioni, stiamo reggendo meglio la seconda ondata ma sarebbe follia pensare che ne stiamo fuori”, ha continuato Speranza.

Speranza fa il punto sulla situazione attuale

“C’è una fase di peggioramento oggettivo, noi stiamo un po’ meglio ma da ben 9 settimane i numeri crescono. Da qui – si riferisce al nuovo DPCM – parte la nostra valutazione”.

Sulla territorialità del Covid: “In primavera il virus aveva colpito essenzialmente un pezzo di Italia geograficamente circoscritto: la Lombardia e alcune province del Nord del Paese”.

“Oggi abbiamo una novità rilevante: non c’è più dinamica di territorialità, nessuna area è colpita in maniera marginale”.

“La crescita è diffusa, generalizzata, tocca tutti i territori, anche chi è stato risparmiato in una fase precedente”.

“Nessuna realtà può sentirsi fuori dai rischi che il Paese corre. C’è bisogno della massima attenzione in ogni angolo del Paese”, ha ammonito Speranza.

“Il 6 agosto erano 12.600 le persone positive. Oggi sono 58.903. In due mesi c’è stato un salto in avanti significativo”, ha sottolineato il ministro ricordando anche che le persone ricoverate in reparti Covid sono 3.487 e 323 i malati assistiti in terapia intensiva.

“Ad oggi sono numeri sostenibili per il Servizio sanitario nazionale rispetto ai giorni più difficili, quando avevamo 4mila persone in terapia intensiva, ma non possiamo non guardare la tendenza. In estate erano appena trenta”, ha fatto notare Speranza.

“Il virus circola – ha aggiunto – e continua a mandare persone in stato di sofferenza”.

“Il nostro obiettivo è tutelare e proteggere gli anziani e le fasce più deboli“.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, infine, ha concluso parlando di scuola: “Dalle scuole c’è stato finora un impatto basso, una buona capacità di tenuta”.

In serata è previsto il Consiglio dei ministri per la proroga dello stato d’emergenza fino al 31 gennaio.

ministro-speranza-mascherina
ministro-speranza-mascherina

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui