Home Ultime Notizie Riapertura stadi, Prof. Crisanti: “Farlo adesso è da irresponsabili”

Riapertura stadi, Prof. Crisanti: “Farlo adesso è da irresponsabili”

2702
0
stadio-olimpico-semi-vuoto
stadio-olimpico-semi-vuoto

Riapertura stadi – Ultime notizie Coronavirus in Italia. Andrea Crisanti, professore di Microbiologia all’Università di Padova, ha rilasciato alcune dichiarazioni riportate da Tg Com 24 in merito alla imminente graduale riapertura degli stadi e degli impianti sportivi. Queste le sue parole:

“Riaprire gli stadi adesso è da irresponsabili, ora dobbiamo metabolizzare l’apertura delle scuole e vedere come va. Le cose vanno fatte gradualmente. Se proprio vogliamo fare un gesto simbolico, riapriamoli con mille persone, oppure riapriamo con il 10% della capienza per almeno quindici giorni e vediamo che succede”

Riapertura stadi, la denuncia del Prof. Crisanti

“E’ indubbio che la riapertura degli stadi presenta delle situazioni e delle connotazioni di criticità e di potenziale rischio che non possono essere sottovalutate”, afferma, aggiungendo che si tratta di “una situazione complessa che credo meriti attenzione nella valutazione e credo anche significativa cautela”.

“Non è pensabile improvvisamente ipotizzare una riapertura degli stadi con 25.000 persone, ma si può ipotizzare una progressiva riapertura e con regole che devono essere ferree”, afferma infine il viceministro alla Salute Pier Paolo Sileri

Queste invece le parole di Vincenzo Spadafora, Ministro dello Sport, in un comunicato stampa emesso ieri sera:

“Ho appena comunicato al presidente Gravina che il Comitato tecnico scientifico, che ringrazio, ha valutato positivamente la nostra proposta sulla riduzione dei tamponi, andando anche oltre la richiesta della Figc. Da oggi infatti, come già previsto per le competizioni internazionali, i giocatori dovranno obbligatoriamente sottoporsi al tampone solo nelle 48 ore precedenti le competizioni“.

bombonera-stadio-vuoto
bombonera-stadio-vuoto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui