Home Ultime Notizie Busta proiettili Papa Francesco, ecco cos’è successo e da dove proviene

Busta proiettili Papa Francesco, ecco cos’è successo e da dove proviene

1901
0
papa-francesco-oggi-mascherina
papa-francesco-oggi-mascherina

Busta proiettili Papa Francesco – Una busta con tre proiettili, indirizzata a Papa Francesco, è stata trovata a Peschiera Borromeo, nel Milanese.

Busta proiettili Papa Francesco, ecco cos’è successo

Questa notte i carabinieri della stazione di Paullo sono intervenuti presso il centro smistamento dove il responsabile, un italiano di 57 anni, ha segnalato la presenza di una busta, con affrancatura francese, contenente 3 cartucce, presumibilmente di pistola, priva di mittente e destinata, con scritta a penna e poco leggibile a ‘Il Papa -Città del Vaticano, Piazza S. Pietro in Roma’.

La busta proviene dalla Francia ed è stata sottoposta a sequestro per i successivi rilievi tecnici. Le indagini sono in corso.

Queste invece le parole di Papa Francesco nell’Angelus dell’8 agosto 2021:

Francesco ricorda che allora la gente si scandalizzò alle parole di Gesù come pane di vita, anche noi oggi potremmo provare la stessa cosa perché “ci farebbe più comodo – evidenzia il Papa – un Dio che sta in Cielo senza immischiarsi, mentre noi possiamo gestire le faccende di quaggiù”.

Invece Dio si è fatto uomo per entrare nella concretezza del mondo, per entrare nella nostra concretezza, Dio si è fatto uomo per me, per te, per tutti, per entrare nella nostra vita. E tutto della nostra vita gli interessa. Gli possiamo raccontare gli affetti, il lavoro, la giornata, ogni cosa. Gesù desidera questa intimità con noi. Che cosa non desidera? Essere relegato a contorno – Lui che è il pane –, essere trascurato e messo da parte, o chiamato in causa solo quando ne abbiamo bisogno.

Sfamati da un amore più grande

L’auspicio del Papa è di spezzare il pane insieme, in famiglia, al termine di una giornata di studio o lavoro, portare Gesù alla nostra mensa perché la possa benedire.

Sarebbe bello, prima di spezzare il pane, invitare Gesù, pane di vita, chiedergli con semplicità di benedire quello che abbiamo fatto e quello che non siamo riusciti a fare. Invitiamolo a casa, preghiamo in stile “domestico”. Gesù sarà a mensa con noi e saremo sfamati da un amore più grande.

I saluti dopo la preghiera mariana

Al termine dell’Angelus, Papa Francesco ha rivolto i suoi saluti ai fedeli presenti in piazza, in particolare il gruppo della pastorale giovanile di Verona, i giovani di Crevalcore, quelli di Scandiano e delle case salesiane del Triveneto giunti a Roma in bicicletta. A tutti l’augurio di una buona domenica e la richiesta, che viene dal cuore, di pregare per il Papa. 

papa-francesco-mascherina
papa-francesco-mascherina

fonte: adnkronos.com

Articolo precedenteFederica Scottà, muore sul colpo dopo scontro fra un’auto e un suv
Articolo successivoGabbiano Capri ruba panino a bimbo, uomo lo uccide con pietra: è rissa