Home Covid Zaia sul DPCM: “Le attività rischiano di morire”

Zaia sul DPCM: “Le attività rischiano di morire”

5037
15
zaia-perplesso
zaia-perplesso

Zaia sul DPCM – Le critiche del Presidente della Regione Veneto. Le ultime notizie sulla politica e sul coronavirus dal Veneto e dall’Italia 24 ore su 24 tutti gli aggiornamenti.

Un duro attacco all’ultimo dpcm di Giuseppe Conte, attacco firmato Luca Zaia.

Zaia sul DPCM, le critiche

Nel corso della conferenza stampa del mattino di oggi, 26 ottobre 2020, il governatore del Veneto non fa sconti e contesta alcune delle restrizioni indiscriminate imposte dall’ultimo testo: I ristoranti vengono trattati come gli untori – premette Zaia – questo non ci voleva, facciamo fatica a giustificare un’azione come questa. Faccio appello al Governo perché riveda il provvedimento”, ha rimarcato Zaia.

E ancora, dalla sede della protezione Civile di Marghera, ha aggiunto: “Il problema è chi vende un gelato o un pezzo di pizza dopo le 18? Si chiudono le realtà controllate che hanno le linee guida, serviva un segnale di fiducia dopo i sacrifici fatti”.

“Queste misure – ha rimarcato il governatore veneto – non modificheranno le curve. Non ho mai fatto polemica, ma questo provvedimento non ci voleva, facciamo fatica a farlo accettare”.

“Le attività rischiano di morire”, ha concluso un battagliero e furibdondo Luca Zaia.

Ed ora si attendono eventuali risposte dal Governo.

zaia-veneto
zaia-veneto

Fonte: Libero

Articolo precedenteSalvini contro DPCM: “Il vero problema è il trasporto pubblico”
Articolo successivoRenzi DPCM: “Chiederemo modifiche, bisogna riaprire”, Zingaretti furioso

15 Commenti

  1. Hello just wanted to give you a quick heads up. The text in your content seem to be running off the screen in Firefox. I’m not sure if this is a formatting issue or something to do with browser compatibility but I figured I’d post to let you know. The design and style look great though! Hope you get the problem fixed soon. Thanks

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui