Home Covid Contatto con positivo cosa fare? La risposta per tutte le situazioni

Contatto con positivo cosa fare? La risposta per tutte le situazioni

1176
0
contatto-con-positivo-cosa-fare
contatto-con-positivo-cosa-fare

Contatto con positivo cosa fare? Ecco la risposta. Le ultime notizie dal mondo e dall’Italia sul coronavirus ultim’ora flash news e aggiornamenti in tempo reale 24 ore su 24 sui tamponi, contatti, asintomatici ecc.

In questi ultimi giorni i contagi da Covid-19 in Italia sono aumentati nettamente.

Nonostante tutti parlino di evidenze sull’aumento dei contagiati, i pareri dei medici sono differenti: c’è chi è più pessimista come Massimo Galli e chi è più ottimista come Matteo Bassetti.

Qualsiasi medico, però, sta chiedendo agli italiani di rispettare le linee guida su cosa fare in caso di contatto con un positivo per evitare la corsa ai tamponi, quando non utili alla causa, che non farebbe altro che affollere ulteriormente i presidi sanitari.

CONTATTO CON UN POSITIVO… CHE DEVO FARE? LA GUIDA SEMPLICE COMPLETA

CONTATTO DI/CON UN POSITIVO… CHE DEVO FARE?

Di seguito una sintesi delle indicazioni della circolare ministeriale 32850 del 12/10/2020.

CONTATTO INDIRETTO DEL CASO POSITIVO

🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢
Partiamo dal più frequente CONTATTO INDIRETTO
🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢🟢

🟢 Se sono un CONTATTO del CONTATTO (ho avuto un contatto stretto con una persona che ha avuto contatto stretto con un positivo)
➡️ Non dovrò fare nulla a meno che la persona con cui ho avuto contatto non diventi, durante la sua quarantena, un positivo.

CONTATTO DIRETTO DEL CASO POSITIVO

🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠
Se sono un CONTATTO DIRETTO del CASO POSITIVO
🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠🟠

🟠 Se resto un CONTATTO ASINTOMATICO
➡️ Faccio quarantena per 14 giorni e stop.
➡️ Se voglio uscire prima posso fare un tampone dal 10* giorno in poi (ho quindi dato il tempo all’eventuale contagio di palesarsi).
➡️ Se però ho un regolare contatto con persone a rischio, faccio sempre e comunque un tampone a fine quarantena.

🟠 Se divento un CONTATTO SINTOMATICO
➡️ Faccio un tampone che, se negativo, mi rende libero (fermo restando la guarigione dai sintomi per ridurre la trasmissione anche di altre malattie, non esiste solo il Covid)

SE TAMPONE POSITIVO

🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴
Se TAMPONE POSITIVO, non sono più un “CONTATTO ” ma divento un CASO
🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴🔴

🔴 Se resto un CASO ASINTOMATICO
➡️ Rientro in comunità dopo un tampone negativo fatto dopo almeno 10 giorni di isolamento.

🔴 Se divento un CASO SINTOMATICO
➡️ Rientro in comunità dopo un tampone negativo, fatto dopo almeno 10 giorni di isolamento ed almeno 3 giorni senza sintomi (tali 3 giorni possono essere inclusi nei 10 oppure successivi: la cosa puó variare da caso a caso in base a quando si guarisca dai sintomi).

🔴 Se permango un CASO POSITIVO DI LUNGO TERMINE (ovvero uno di quei casi che pur guarendo da tutti i sintomi -eccezion fatta per alterazioni di gusto e olfatto che spesso persistono per molte settimane- continuino ad avere tampone positivo)
➡️ Rientro in comunità dopo 21 giorni di isolamento, laddove autorizzato dalle autorità sanitarie in relazione al caso specifico: alcuni casi, come ad esempio gli immunodepressi, possono infatti restare molto contagiosi in modo prolungato e non saranno autorizzati.

Si precisa, a scanso di equivoci, che tali linee guida sono indicative, non costituiscono un consiglio medico e non sostituiscono il vincolo di contattare il proprio medico curante.

laboratorio-tamponi
laboratorio-tamponi

Articolo precedenteBassetti Covid: “Stop corsa ai tamponi, evitare sovraccarico di presidi sanitari”
Articolo successivoFederica Pellegrini positiva accompagna la madre a fare il tampone e risponde alle polemiche: “Ero autorizzata”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui