Home Covid Perché non usano mascherine a C’è posta per te: Maria De Filippi...

Perché non usano mascherine a C’è posta per te: Maria De Filippi lo spiega

1785
3
maria-de-filippi-c'è-posta-per-te
maria-de-filippi-c'è-posta-per-te

Perché non usano mascherine a C’è posta per te – Maria De Filippi è stata ospite di Fabio Fazio nella puntata di Che tempo che fa andata in onda domenica 10 gennaio. La celebre conduttrice, reduce dal successo della prima puntata della nuova edizione di C’è posta per te ha spiegato al collega e al pubblico di Rai3 il motivo dell’assenza di mascherine nello studio del popolare people show.

A favorire la realizzazione del programma è stato innanzitutto il periodo scelto per le registrazioni. “Sono stata fortunata perché abbiamo registrato in gran parte in un periodo più favorevole”, ha spiegato Maria De Filippi. Come ogni anno, infatti, le storie di C’è posta per te vengono registrate a ridosso dell’estate.

Perché non usano mascherine a C’è posta per te, la spiegazione

Restano centrali i tamponi e l’isolamento per i protagonisti delle storie di C’è posta per te. “Vengono tutti tamponati, chiusi in un albergo sia chi riceve che chi manda la posta”, ha spiegato Maria De Filippi, “Quest’anno, quando c’è stato quello che c’è, non sapevamo. Quindi abbiamo fatto così: chi manda la posta veniva tamponato e chiuso; i destinatari, dopo avere ricevuto la posta, venivano tamponati e chiusi. Qualcuno è stato rimandato a casa. Non ci saranno ospiti internazionali”

La pandemia di Covid ha inevitabilmente investito anche la nuova edizione di C’è posta per te. Maria De Filippi ha anticipato a Fabio Fazio che alcune delle storie della nuova edizione racconteranno quanto accaduto in Italia e nel mondo nel 2020:

“C’è posta cambia ogni anno perché viene fatto con le storie della gente. Ieri sera, ad esempio, andava in onda la storia di una ragazza che chiamava per il padre che non ha più un lavoro. Appartiene a un momento ben preciso. Quest’anno troverai persone che hanno perso i loro cari in terapia intensiva senza nemmeno poterli vedere”. E ha aggiunto:

“Abbiamo la fortuna di ricevere tante richieste, ne riceviamo 600/700 al giorno. È un lavoro certosino. C’è una redazione che lavora tutto l’anno. Io vedo tutti gli ospiti che portiamo in trasmissione e in quel momento scegliamo le storie. Poi viene consegnata la posta e spesso la posta viene rifiutata per cui la storia non viene presa e si va avanti”.

“Se guardi bene la trasmissione ti accorgi che in una storia sono abbronzata, in un’altra ho i capelli un po’ più lunghi. Non ci sarebbe un altro modo per fare C’è posta. È il programma che mi agita di più. Quando il destinatario della posta entra in studio è la prima volta che lo vedo anch’io”.

perche-non-usano-mascherine-ce-posta-per-te
perche-non-usano-mascherine-ce-posta-per-te
Articolo precedenteLillo dopo il Covid: “Pensavo di morire, una paura fot*uta!”
Articolo successivoGorilla Covid, almeno due esemplari positivi allo zoo di San Diego

3 Commenti

  1. Undeniably believe that which you stated. Your favorite justification seemed to be on the web
    the simplest thing to be aware of. I say to you,
    I definitely get annoyed while people think about worries that they plainly do not know about.
    You managed to hit the nail upon the top as well as defined out the whole thing without having side-effects , people can take a signal.
    Will probably be back to get more. Thanks

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui