Home Covid Coprifuoco in settimana e lockdown nel weekend: clamorosa ipotesi del Governo

Coprifuoco in settimana e lockdown nel weekend: clamorosa ipotesi del Governo

1509
1
negozio-chiuso-serranda
negozio-chiuso-serranda

Coprifuoco in settimana – Sono ore decisive da Roma per le novità in merito ad ulteriori restrizioni che il Governo vuole imporre. Secondo le ultime notizie infatti, è in arrivo un nuovo DPCM, già addirittura nella notte tra domenica e lunedì. Questa notte infatti, c’è stato un vertice a Palazzo Chigi tra i capi delegazione della maggioranza a il presidente Conte durato fino alle 4:30 del mattino.

In questo frangente si è discusso ampiamente su come comportarsi in merito alla manovra restrittiva e quali misure mettere in campo. Il Dpcm, secondo quanto scrivono le agenzie di stampa citando fonti di governo, potrebbe essere varato tra domenica lunedì. 

Today.it riporta quali potrebbero essere le nuove decisioni a stretto giro. Per questo sul tavolo del premier ci sono una serie di misure emergenziali.

Coprifuoco in settimana e lockdown nel weekend, l’idea del Governo

Tra queste la chiusura dei locali (ristoranti, bar, pub) tra le 22 e le 23, da modulare con la stretta maggiore nei week end, potrebbe essere una delle misure contenute, secondo quanto riferito da Conte nella lunga riunione di maggioranza convocata a palazzo Chigi con il doppio ordine del giorno: manovra e Covid.

L’ipotesi resta quella di approfondire bene le nuove misure, con un nuovo Dpcm da emanare a breve, forse anche nella serata di oggi, ma non certo di accelerare per approvarlo nella notte.

Per lo smart working appare probabile una decisa implementazione, fino a una quota del 70%, ma non si sa se soltanto per la pubblica amministrazione – come appare più probabile – o anche per le aziende private. A sorpresa rispetto a quanto scritto nei giorni scorsi, le scuole dovrebbero restare fuori da queste nuove restrizioni.

Nuovo DPCM, altre restrizioni per gli italiani

Un’altra misura probabile è la stretta sugli sport da contatto, con l’alt ad allenamenti e gare come il calcettoeil basket, di base e a livello agonistico, gestiti dalle società dilettantistiche. Un sacrificio che consentirebbe di tenere aperte le scuole.

In discussione anche lo stop a piscine, palestre e circoli, la stretta su eventi e manifestazioni pubbliche. La serrata provvisoria dei negozi non essenziali e delle sale gioco.

Un lockdown totale nel fine settimana. L’alternativa è una soltanto, anch’essa valutata ai vertici dell’esecutivo. Il divieto di movimento per le attività non essenziali, dunque a eccezione di quelle lavorative o scolastiche, sette giorni su sette, 24 ore su 24.

Il coprifuoco si potrebbe tradurre nel vietare la possibilità di uscire di casa se non per ragioni di lavoro dopo le 22 o le 23. Ma queste misure non saranno varate nel nuovo Dpcm in arrivo tra domenica e lunedì, che si occuperà solo di aumentare i controlli per evitare assembramenti serali, senza intaccare per ora la libertà di movimento.

Per un lockdown nazionale, invece, l’ipotesi verrebbe presa in considerazione soltanto se il numero di positivi al giorno dovesse arrivare a 30mila: il triplo del record raggiunto ieri. A riportarlo è Today.it.

giuseppe-conte-conferenza-capri
giuseppe-conte-conferenza-capri
Articolo precedenteFabrizio Corona coronavirus: “Sono positivo al tampone, febbre a 39”
Articolo successivoBurioni vaccino Covid: “Abbiamo già una data!”

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui