Home Attualità Riapertura indagini Denise Pipitone: possibili depistaggi

Riapertura indagini Denise Pipitone: possibili depistaggi

3193
1
chi-è-il-padre-di-denise-pipitone
chi-è-il-padre-di-denise-pipitone

Riapertura indagini Denise Pipitone – Le indagini sulla scomparsa di Denise riaperte per alcuni presunti depistaggi. Le ultime notizie dall’Italia e dal mondo tutte le ultime news aggiornate.

Ci sono novità su Denise Pipitone. La Procura di Marsala torna a indagare sul caso, con i magistrati che stanno cercando di capire se ci sono stati depistaggi o errori nell’inchiesta sulla bambina scomparsa il primo settembre del 2004 da Mazara del Vallo (Trapani). Da settimane ormai, inizialmente con la storia della ragazza russa, Olesya Rostova, che tramite una trasmissione locale cercava la madre biologica, il caso della scomparsa di Denise Pipitone è spesso tornato in televisione. La madre di Denise, Piera Maggio, che da sempre cerca di non far dimenticare sua figlia, è tornata davanti alle telecamere anche per parlare di presunti depistaggi nelle indagini successive alla scomparsa della bimba da Mazara.

Tra le ultime notizie su Denise Pipitone anche le rivelazioni dell’ex pm Maria Angioni, ora giudice a Sassari, che all’epoca indagò sul caso. L’ex pm ha dichiarato di avere avuto il sospetto di fughe di notizie sull’inchiesta e in particolare che alle persone intercettate venisse riferito che i loro telefoni erano sotto controllo.

Riapertura indagini Denise Pipitone, la scomparsa e la pista Rom: l’appello di Gennaro Spinelli

Si è tornati a parlare negli ultimi tempi anche della cosiddetta pista rom legata alla scomparsa di Denise: Gennaro Spinelli, presidente dell’Unione delle Comunità Romanes in Italia (Ucri), durante la trasmissione “Chi l’ha visto?” ha portato la solidarietà a Piera Maggio e ha rivolto anche un appello alla collaborazione, in lingua romanes, per il ritrovamento di Denise. “La nostra più grande solidarietà a Piera Maggio, ma è importante dire che i Rom non hanno mai rubato i bambini”, ha detto ribadendo “che i Rom non rubano i bambini” e dicendosi a disposizione per aiutare Piera Maggio.

Mercoledì manifestazione a Mazara del Vallo per Denise Pipitone

Mentre la Procura di Marsala torna a indagare su Denise, Piera Maggio e Piero Pulizzi mercoledì saranno presenti a Mazara del Vallo per una manifestazione dedicata alla figlia scomparsa. A darne notizia tramite i social il sindaco di Mazara Salvatore Quinci. “Care amiche e cari amici – si legge nel post condiviso anche da Piera Maggio – mercoledì 5 maggio alle 20.30, insieme a Piera Maggio, Piero Pulizzi e l’avvocato Giacomo Frazzitta, vi aspettiamo tutti in Piazza della Repubblica per la Manifestazione dedicata alla nostra Denise per chiedere con forza Verità per Denise. L’evento sarà ripreso e trasmesso dalle emittenti televisive nazionali. Saranno presenti scuole, associazioni e cittadinanza”.

anna-corona-denise-pipitone

Fonte: Fanpage

Articolo precedenteZingaretti intervista: “Bisogna avere il coraggio di dire la verità sul Covid”
Articolo successivoLuana D’Orazio, tragica morte sul lavoro a 23 anni in azienda tessile

1 commento

  1. […] Nei giorni scorsi, i magistrati avevano riaperto il caso sulla scomparsa della bambina dalla cittadi… L’edificio in questione, in cui è ancora in corso l’operazione, è disabitato da tempo. La casa da anni non rientra più nelle disponibilità di Corona ed è stata acquistata da una famiglia che vive all’estero. L’unica nota ufficiale sulla perquisizione dice che il sopralluogo è stato disposto dalla Procura di Marsala “per verificare lo stato dei luoghi e se sono stati effettuati lavori edili”. […]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui