Home Attualità Papa Francesco dona vaccini antinfluenzali e tamponi a trans e poveri

Papa Francesco dona vaccini antinfluenzali e tamponi a trans e poveri

654
2
papa-francesco-conferenzapapa-francesco-conferenza
papa-francesco-conferenza

Papa Francesco dona vaccini. La sua generosità che è andata ancora una volta a favore dei transessuali e degli homeless di Torvaianica, cittadina del litorale romano. A riportare la notizia è il portale ADNKronos. In questo caso Bergoglio, che già aveva provveduto ad aiutare i trans nella prima ondata di Covid, ha fatto arrivare vaccini antinfluenzali e tamponi.

“Ci troviamo in un contesto di grande difficoltà- spiega all’Adnkronos il parroco di Torvaianica, don Andrea Conocchia –. Le persone transessuali, per il coprifuoco, non lavorano praticamente più e hanno molta paura. E così ho chiesto nuovamente aiuto all’Elemosiniere del Papa”.

Papa Francesco dona vaccini e tamponi

Il Pontefice, tramite il braccio caritativo , il card. Konrad Krajewski, ieri ha fatto arrivare a Torvaianica vaccini antinfluenzali e tamponi con una ambulanza. “Sono riusciti a beneficiarne una quarantina di persone tra transessuali e senza tetto che vivono sulle panchine o tra una barca e l’altra in riva al mare. – spiega il sacerdote- Alcune trans era la prima volta che si vaccinavano. E, fortunatamente, sono tutte risultate negative al coronavirus“.

I transessuali di Torvaianica hanno reso grazie al Signore per la salute: “Dio è grande e mi ama. Grazie a Papa Francesco, lo amiamo tanto “, hanno detto dopo essersi tamponate in un audio messaggio al loro parroco. Don Andrea Conocchia osserva: “Si è trattato di un altro bellissimo momento di vicinanza del Papa”.

papa-francesco-unioni-civili
papa-francesco-unioni-civili

fonte: adnkronos.it

Articolo precedenteInfermiera Maradona: “L’hanno lasciato morire, vi racconto tutto”
Articolo successivoAifa Palù nuovo presidente, Selvaggia Lucarelli: “Diffonde fake news… Che brutto paese”

2 Commenti

  1. […] Bergoglio ricorda che a farne le spese sono sempre i più deboli: “L’attuale pandemia e il cambiamento climatico, che non sono solo rilevanti dal punto di vista ambientale, ma anche etico, sociale, economico e politico, influenzano soprattutto le vite dei più poveri e fragili. In questo modo, si appella alla nostra responsabilità di promuovere, con impegno collettivo e solidarietà, una cultura della cura, che metta al centro la dignità umana e il bene comune”. […]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui