Home Attualità Sergio Mattarella: “Sacrifici Covid pesanti ma traguardo vicino”

Sergio Mattarella: “Sacrifici Covid pesanti ma traguardo vicino”

1103
16
presidente-mattarella
presidente-mattarella

Sergio Mattarella – Le parole del presidente della Repubblica italiana oggi 19 aprile 2021 per l’anniversario di fondazione della Gazzetta di Parma. Le ultime notizie dall’Italia e dal mondo aggiornate in tempo reale 24 ore su 24.

Viviamo una stagione difficile. La pandemia ha recato lutti e sofferenze. L’azione di contrasto ha imposto sacrifici pesanti alle persone e alla società nel suo insieme. Ma il senso di solidarietà diffuso tra gli italiani, l’impegno e la dedizione di chi ha combattuto la malattia in prima linea, i risultati della scienza ci fanno sentire oggi più vicini i traguardi che tutti speriamo di raggiungere”.

Lo scrive Sergio Mattarella in un messaggio per il 286′ anniversario di fondazione della Gazzetta di Parma

Sergio Mattarella, gli auguri alla Gazzetta di Parma 

“Desidero esprimere i miei auguri per il 19 aprile della Gazzetta di Parma. Questa data – quella della copia più antica della Gazzetta – risale al 1735. Un anno che precede di oltre un secolo l’unità d’Italia e che ci dà la percezione di quanti cambi d’epoca le successive redazioni della Gazzetta sono state testimoni. Festeggiare una simile ricorrenza, che coinvolge l’intera città di Parma, con un rinnovamento grafico è un atto di fiducia e di coraggio che merita apprezzamento, scrive il Presidente della Repubblica.

“Non torneremo come prima”

“Non torneremo alle stesse condizioni di normalità di prima sottolinea il Capo dello Stato -. L’angoscia e le gravi difficoltà si sono intrecciate con strumenti nuovi per non fermare la vita della nostra società e si sono concretizzate alcune nuove opportunità. Proprio per questo dobbiamo saper cogliere il cambiamento, che procede a velocità crescente. Sarà questo il modo efficace per riprendere appieno le nostre attività, per governare consapevolmente il passaggio da questa imprevista stagione drammatica a una nuova condizione di serenità”.


Per Mattarella “il giornalismo è interrogato da questa prospettiva di rinascita civile, sociale, economica, per potervi contribuire, accompagnandola. Le democrazie hanno bisogno di un giornalismo vivo, libero, capace di essere espressione della società e, in questo modo, di concorrere a promuoverne lo sviluppo”.

mattarella-2021

Fonte: Agi

Articolo precedenteSuperlega Draghi: “Preservare meritocrazia e funzione dello sport”
Articolo successivoOasi Ohana – Hola, la cagnolina gettata da un’auto in corsa: ora è salva

16 Commenti

  1. Youre so cool! I dont suppose Ive learn anything like this before. So nice to find someone with some original ideas on this subject. realy thanks for starting this up. this website is something that is wanted on the web, somebody with just a little originality. helpful job for bringing one thing new to the web!

  2. I just like the helpful info you provide to your articles. I’ll bookmark your weblog and check once more here frequently. I’m quite sure I’ll learn a lot of new stuff right right here! Best of luck for the following!

  3. I have been exploring for a little bit for any high-quality articles or blog posts on this kind of area . Exploring in Yahoo I at last stumbled upon this website. Reading this info So i’m happy to convey that I’ve an incredibly good uncanny feeling I discovered exactly what I needed. I most certainly will make sure to do not forget this web site and give it a glance on a constant basis.

  4. Thank you for all of the effort on this web page. Ellie really loves engaging in investigations and it’s obvious why. Most of us hear all concerning the powerful way you render very useful guides by means of your web site and even invigorate contribution from other people about this theme so our simple princess is now becoming educated so much. Take advantage of the remaining portion of the year. Your doing a dazzling job.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui