Home Covid Zangrillo fiducioso: “La curva esponenziale che terrorizza per il momento non c’è”

Zangrillo fiducioso: “La curva esponenziale che terrorizza per il momento non c’è”

3647
0
zangrillo-la-7-l'aria-che-tira
zangrillo-la-7-l'aria-che-tira

Zangrillo fiducioso – Alberto Zangrillo, Primario Terapia Intensiva San Raffaele di Milano, parla ai microfoni di La 7 nel corso del programma L’Aria Che Tira:

“Forse la mia età non più verde mi permette di avere una visione d’insieme. Cercare quindi di raccontare la verità senza eccedere nè nell’ottimismo nè nel catastrofismo. Ciò che vedo è una realtà ben gestita da parte delle regioni di riferimento, in cui si sarebbe potuto fare meglio e di più sul territorio”.

Zangrillo fiducioso su come si sta affrontando all’interno degli ospedali la pandemia

“E vi do un dato. Il più importante. Il 65% delle persone che si presentano nei nostri pronti soccorsi vengono dimesse nell’arco di 9 ore”.

“Inoltre va sottolineato come ci sia un sistema interospedaliero organizzato, e organizzato secondo degli step di gravità. Noi ci andiamo a prendere cura dei malati lievi, medi e gravi. Fortunatamente osserviamo che coloro che hanno bisogno di cure di terapie intensive sono una netta netta minoranza. Quella curva esponenziale che terrorizza, per il momento non c’è”.

“Quindi noi dobbiamo veramente cercare di dare una parola, non di ottimismo, ma di seria responsabilità, a coloro che ci ascoltano per confermare loro che questa è una patologia che quando conclamata clinicamente può essere curata a domicilio. Vi è una popolazione, i grandi anziani portatori di copatologie, che vanno protetti dai loro figli e dai loro nipoti”.

zangrillo-bollettino-san-raffaele
zangrillo-bollettino-san-raffaele

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui