Home Attualità Tampone Covid bambini – Allarme dei pediatri per la ripresa della scuola

Tampone Covid bambini – Allarme dei pediatri per la ripresa della scuola

2138
0
misurazione-temperatura-bambina
misurazione-temperatura-bambina

Tampone Covid bambini – Caos tamponi anche per i più piccoli, soprattutto a ridosso della ripresa scolastica.

Sono stati i pediatri italiani a lanciare l’allarme sul numero eccessivo di tamponi da dover fare, che potrebbe mandare in crisi il sistema.

Tampone Covid bambini – Perchè i pediatri dicono che si rischia il caos con la ripresa della scuola?

Ma qual è il motivo di questa forte preoccupazione dei pediatri italiani?

Quello che preoccupa i medici sono le regole attuali: la necessità di chiedere un tampone per ogni bambino che abbia anche un banale raffreddore per tornare a scuola.

Alcuni dati, effettivamente, spaventano. Dodicimila tamponi al giorno da richiedere per i bambini delle scuole solo in Lombardia.

Il calcolo, effettuato dai pediatri bergamaschi tramite i loro database, rischierebbe di mandare in tilt il sistema medico, e probabilmente quello scolastico, già a poco dalla ripresa.

I pediatri, come riporta SkyTg24, hanno dichiarato di visitare in media al giorno circa 10 bambini con sintomi più o meno riconducibili al Covid.

I sintomi da loro scelti nell’esempio sarebbero: febbre, raffreddore, tosse, vomito e diarrea.

La media lombarda, quindi, arriverebbe a far chiedere 12mila tamponi al giorno, da aggiungere alla canonica visita. Su scala nazionale, ovviamente, il dato salirebbe ancor di più.

Tampone Covid bambini – Il certificato medico dopo 3 giorni di assenza per tornare a scuola

I pediatri, stando alle regole attuali, se un bambino, nella fascia da 0 a 6 anni, anche con un sintomo soltanto riconducibile al Covid, dovranno certificare, dopo 3 giorni di assenza, la negatività al coronavirus.

A questo punto ritorna in ballo quanto detto precedentemente sui tamponi, che andrebbero ad alimentare un sistema che, già senza contare i certificati medici per assenza, rischierebbe di collassare.

Il Dr. Luigi Greco, medico pediatra e consigliere dell’Ordine dei Medici di Bergamo, a tal proposito, ha dichiarato ai microfoni di Sky: “Sulla base delle indicazioni che le scuole hanno dal Miur basta anche solo un raffreddore per allontanarli, ma lei ha visto una  classe di bambini in inverno? Ce n’è qualcuno che non è raffreddato pur senza avere febbre? Un conto è se individuiamo bambini con febbre e sintomi respiratori di una certa importanza, un conto è vedere tutti i raffreddori. Tutti i raffreddori manderebbero in tilt qualsiasi sistema”.

Tampone Covid bambini – Genitori in quarantena in attesa del tampone per i figli

Questo problema, legato a tamponi per i bambini, ripresa scolastica, pediatri ed anche certificati, diventerebbe poi connesso ai genitori. Gli stessi genitori, in attesa del tampone del figlio/a sarebbero costretti a rimanere isolati, in quarantena fiduciaria.

Tampone Covid bambini – Con il sistema congestionato i tempi si allungano, ci vorrebbero più test rapidi e meno burocrazia

“Oggi che non siamo in emergenza l’esito di un tampone arriva in un tempo che va dai 4 giorni a una settimana ma con un picco di richieste il sistema andrebbe sotto stress e i tempi si allungherebbero. Come abbiamo visto succedere nei mesi passati”, spiega Greco. Insomma intere famiglie potrebbero finire in quarantena per un banale raffreddore, costringendo i genitori ad assenze prolungate dal lavoro.

Il Dr. Greco ha poi concluso: “Diverso sarebbe se avessimo a disposizione dei test rapidi sufficientemente affidabili e quindi già in studio potremmo essere in grado di fare un primo screening. Le norme regionali che attualmente non sono applicate, già dal 2003 avevano abolito l’obbligo di certificazione da parte del pediatra per il rientro a scuola, indipendentemente dal numero di giorni di assenza.

Nessuno si vuole sottrarre alla certificazione nel caso di sospetto Covid. Ma certificare per ciascun bambino con sintomi compatibili col Covid che covid non è ci imporrebbe di  fare a tutti il tampone con la Pcr, con tutte le difficoltà che questo crederebbe al sistema”.

pediatra-bambina
pediatra-bambina

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui