Home Covid La bugia che ha costretto al lockdown 1.7 milioni di persone

La bugia che ha costretto al lockdown 1.7 milioni di persone

1326
1
lockdown-australia
lockdown-australia

La bugia che ha costretto 1.7 milioni di persone al lockdown. Clamoroso episodio avvenuto in queste ore. Si tratta di un uomo che lavora in una pizzeria, e che dopo essere stato contagiato dal Covid ha mentito alle autorità che stavano tentando di effettuare il contact tracing.

La notizia è stata riportata dall’edizione online del Corriere della Sera. Vi proponiamo un estratto di quanto scritto sul portale del quotidiano online:

Una bugia raccontata dal dipendente di una pizzeria, uno spagnolo di 36 anni contagiato dal Covid-19, ha fatto scattare un lockdown nell’intera regione del South Australia che ha coinvolto circa 1 milione e 700mila abitanti e che altrimenti sarebbe stato evitato“.

“Il confinamento restrittivo era partito mercoledì nella capitale Adelaide e in tutto lo stato dopo la conferma di 36 casi, inclusi i primi locali registrati da aprile”.

La bugia che ha costretto 1.7 mln di persone al lockdown

“L’autore della bugia aveva raccontato agli agenti incaricati di tracciare i suoi contatti di essersi recato in pizzeria, il Woodville Pizza Bar, come cliente, per comprarsi una pizza. Invece lui era un dipendente del locale. E la differenza non è da poco per chi si occupa di tracciamenti”.

“L’informazione scorretta infatti ha spinto i funzionari sanitari a presumere che l’uomo avesse contratto il virus durante un lasso di tempo molto breve e che, pertanto, nel Woodville Pizza Bar si fosse formato un cluster di contagi all’origine di molti altri casi ancora da rilevare, un motivo valido, insomma, per decretare il lockdown”.

“Gli addetti al contact tracing hanno scoperto la bugia, secondo quanto riferisce il quotidiano Sydney Morning Herald, quando si sono accorti che l’uomo era stato contagiato da un agente di sicurezza che lavorava anche lui nella pizzeria ma anche al Peppers Waymouth uno degli hotel di Adelaide usati per la quarantena dei contagiati e già epicentro del focolaio all’origine del nuovo stato di allerta regionale”.

“Appurata la verità, il lockdown si chiude da oggi, tre giorni prima del previsto dopo aver registrato solo tre nuovi casi. Ma il bugiardo non se la caverà con tante scuse”.

coronavirus-ospedale
coronavirus-ospedale
Articolo precedenteCTS contro Crisanti: “Dichiarazioni su vaccino anti Covid assolutamente inaccetabili”
Articolo successivoLillo Covid, dimesso dall’ospedale manda un videomessaggio ai fan

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui