Home Covid Crisanti Piazzapulita: “Io troppo pessimista? Non mi pento”

Crisanti Piazzapulita: “Io troppo pessimista? Non mi pento”

1088
3
crisanti-piazzapulita-la7
crisanti-piazzapulita-la7

Crisanti Piazzapulita – Le dichiarazioni del professor Andrea Crisanti a Piazzapulita su La7 riguardo al suo essere stato troppo pessimista. Le ultime notizie dall’Italia e dal mondo aggiornate in tempo reale 24 ore su 24.

Sono stato troppo pessimista? Non mi pento. Il professor Andrea Crisanti temeva conseguenze estremamente negative dopo le riaperture decise dal governo lo scorso 26 aprile. I dati, a circa un mese di distanza, evidenziano una frenata dell’epidemia.

“Magari sono stato troppo pessimista, ma non mi pento di aver detto che abbiamo corso un rischio inutile. La strada era stata ben tracciata dall’Inghilterra. Se lei chiede ad un medico di scegliere tra una procedura sicura e un rischio, credo lei vorrebbe sentirsi dire che si segue una procedura sicura. Questo vale a livello personale e a livello di società. Dopo 125mila morti, ogni vita conta. A maggior ragione visto che la fine del tunnel è vicina, non vedo il motivo di correre rischi inutili”, dice il direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell’università di Padova a Piazzapulita. La situazione migliora con l’aumento delle vaccinazioni.

Crisanti a Piazzapulita, le parole

“La probabilità di infezione per una persona che ha ricevuto 2 dosi di vaccino è estremamente bassa. Ma è una probabilità che esiste. Inizieremo a toglierci la mascherina all’aperto quando il 60-70% di persone sarà vaccinata e la probabilità di infettare e infettarsi sarà molto bassa. E’ importante vaccinare anche i minori, altrimenti non si arriva all’immunità di gregge”, afferma ancora Crisanti, collegato da Londra.

“In Inghilterra c’è una prudenza estrema perché la seconda ondata ha avuto un impatto devastante, anche sulla politica e sulla scienza. Non vogliono mettere a repentaglio i risultati raggiunti, hanno un’attenzione maniacale nei confronti delle varianti e credo sia totalmente giustificato. C’è un focolaio di variante indiana in una zona e hanno mobilitato tutte le capacità di vaccinazione per intervenire in quell’area in 4-5 giorni”, spiega.

crisanti-non-è-l'arena
crisanti-non-è-l’arena

Fonte: Adnkronos

Articolo precedenteLuna Reyes, volontaria abbraccia migrante a Ceuta e viene insultata
Articolo successivoCucciolo volpe trovato denutrito in un bidone della differenziata

3 Commenti

  1. Hi are using WordPress for your site platform?
    I’m new to the blog world but I’m trying to get started and set
    up my own. Do you need any coding expertise to make your own blog?
    Any help would be really appreciated!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui