Home Covid 13enne positivo costretto a dormire in auto per non contagiare la famiglia

13enne positivo costretto a dormire in auto per non contagiare la famiglia

2762
17
dormire-in-auto
dormire-in-auto

13enne positivo a Perugia. Un ritratto sociale drammatico dell’emergenza economica e sanitaria causata dalla pandemia. A Perugia un 13enne positivo al Covid è stato costretto a dormire in auto per diverse notti per non contagiare la famiglia.

La loro casa infatti è troppo piccola per garantire l’isolamento del ragazzo. Un piccolo bagno e una stanza dove vivono in cinque: mamma, papà e tre figli, il 13enne e i fratellini di 9 e due anni. Il padre Yacine, disperato, ha raccontato ai media locali di aver passato tutte le notti vicino alla macchina per sorvegliare l’adolescente.

13enne positivo costretto a dormire in auto

L’appello dell’uomo però non è rimasto inascoltato: Edi Cicchi, assessore alle politiche sociali del Comune di Perugia, si è attivato per trovare una sistemazione al 13enne. Verrà fatto alloggiare in un hotel di Città di Castello, allestito per i pazienti Covid asintomatici che nella loro abitazione sono impossibilitati a mantenere il distanziamento necessario dai familiari.

Yacine, 47enne di origine algerine ma regolarmente residente in Italia, ha scoperto la positività del figlio per caso, dopo un tampone fatto a causa di un contatto sospetto a scuola. Con il risultato positivo per la famiglia è iniziato il dramma.

Fortunatamente il 13enne ha solo sintomi lievi ma le sue condizioni avrebbero potuto aggravarsi continuando a vivere e dormire in auto, esposto alle intemperie e senza le cure necessarie.

Il padre, che di mestiere fa l’imbianchino ma da mesi non trova lavoro, non riesce neanche più a pagare l’affitto del monolocale dove vivono: trovare una stanza per il figlio in questo momento sarebbe stato impossibile. Dopo il risultato del tampone, aveva provato a chiamare i carabinieri, la polizia e la Asl ma tutti gli hanno detto di non poterlo aiutare.

Il 47enne ha cercato più volte nel corso degli anni di fare domanda per una casa popolare ma si è sempre trovato di fronte a un rifiuto: gli è stato detto che non aveva i requisiti necessari e che c’erano famiglie più bisognose della sua. “Non voglio soldi. Sono venuto in Italia nel 1995 per farmi una famiglia, trovare un lavoro, una casa e vivere sereno. Non per andare alla Caritas”, ha detto disperato a Il Messaggero.

dormire-in-auto
dormire-in-auto

fonte: fanpage.it

Articolo precedenteAlberto Zangrillo: “State tranquilli, l’Italia sta reagendo”
Articolo successivoRocco Siffredi furioso: “Test rapidi inutili e dannosi, non fidatevi!”

17 Commenti

  1. excellent put up, very informative. I ponder why the
    opposite experts of this sector don’t realize this.

    You should proceed your writing. I am sure,
    you’ve a great readers’ base already!

  2. Hey I know this is off topic but I was wondering if you knew of any
    widgets I could add to my blog that automatically tweet
    my newest twitter updates. I’ve been looking for a plug-in like this for quite some time and was hoping maybe you would have some experience with something like this.
    Please let me know if you run into anything. I truly enjoy reading
    your blog and I look forward to your new updates.

  3. Undeniably believe that which you stated. Your favorite reason appeared
    to be on the web the easiest thing to be aware of. I say to you, I certainly get irked
    while people think about worries that they plainly do not know
    about. You managed to hit the nail upon the top as well as defined out the whole thing without having
    side-effects , people can take a signal. Will probably be
    back to get more. Thanks quest bars http://tinyurl.com/49u8p8w7 quest bars

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui