Home Attualità Torrino, arrestato stupratore in scuola: incastrato da un dettaglio

Torrino, arrestato stupratore in scuola: incastrato da un dettaglio

878
14
arresto-manette
arresto-manette

Torrino – L’arresto dello stupratore di 27 anni nella scuola al Torrino: ecco il dettaglio che ha permesso agli investigatori di incastrarlo. Le ultime notizie dall’Italia aggiornate in tempo reale tutte le ultime news dal mondo 24 ore su 24.

È stato arrestato il ragazzo di 27 anni accusato di aver violentato una donna all’interno di una scuola al Torrino lo scorso 11 maggio. Incastrato da un’impronta lasciata su una bottiglia di liquore abbandonata in un capanno vicino alla scuola, è stato prelevato questa mattina dagli investigatori della IV Sezione della Squadra Mobile di Roma e del Commissariato di Spinaceto e portato in carcere. Secondo chi indaga è stato proprio il 27enne, la mattina dell’11 maggio, a entrare di nascosto nell’istituto, minacciando la donna di morte con un coltello e spingendola violentemente in uno stanzino, stuprandola e poi derubandola dei pochi soldi che aveva nel portafoglio. L’aggressore aveva fatto poi perdere le proprie tracce.

A dare l’allarme era stato il preside della scuola, chiamato dalla donna. Subito il posto si è riempito di forze dell’ordine ed è stato dato il via alla caccia all’uomo. Ma del ragazzo, in un primo momento, nessuna traccia. Fino a oggi, quando è stato arrestato e portato in carcere.

L’arresto del 27enne e i sopralluoghi della Scientifica

All’inizio sembrava che l’aggressore non avesse lasciato nessuna traccia. Una complessa attività d’indagine, quella svolta dagli investigatori della Polizia di Stato specializzati nei reati di violenza di genere, che alla fine hanno portato all’identificazione del 27enne. I sopralluoghi della Polizia Scientifica non si sono limitati solo alla scuola, ma si sono estesi anche all’area boschiva circostante fino a scoprire un capanno, dove si era stabilito G. E., il 27enne arrestato questa mattina. Le analisi condotte sulla bottiglia di liquore, dove sono state trovate le sue impronte, hanno permesso di identificarlo. Questo perchè era stato fotosegnalato non appena entrato in Italia dalla Nigeria. Le tracce biologiche coincidevano perfettamente con quelle rilevate sulla scena dello stupro. Una volta avuta la certezza che si trattasse della stessa persona, il ragazzo è stato arrestato e portato in carcere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Bidello arrestato, violenze su minorenne nel liceo della Garbatella

automobile-polizia
automobile-polizia

Fonte: Fanpage

Articolo precedenteGreen Pass Parlamento, Fico: “Contrario ad obbligo per deputati”
Articolo successivoGel disinfettante usato in liquori e vino: maxi sequestro della Finanza