Home Attualità Gaetano Scutellaro in lacrime: “Rubato gratta e vinci, perdonatemi”

Gaetano Scutellaro in lacrime: “Rubato gratta e vinci, perdonatemi”

1112
0

Gaetano Scutellaro – L’epilogo della vicenda del gratta e vinci rubato nella tabaccheria di Materdei a Napoli. Le ultime notizie dall’Italia e dal mondo aggiornate in tempo reale 24 ore su 24 tutte le ultime news.

Gaetano Scutellaro, l’uomo che la scorsa settimana dal bancone della tabaccheria di Materdei ha sottratto alla legittima vincitrice un biglietto del Gratta e Vinci da 500mila euro è pentito e chiede scusa. Lo fa in lacrime, dice il suo avvocato Vincenzo Strazzullo: «Ha capito di avere sbagliato, è pentito e si è scusato con tutti per quello che ha fatto: in lacrime ha chiesto perdono all’anziana signora».

Scutellaro, 57 anni, è recluso nel carcere di Santa Maria Capua Vetere: è sottoposto a fermo dalla Procura di Napoli che lo accusa del furto pluriaggravato e di un tentativo di estorsione ai danni della stessa signora.

Il video in tabaccheria e le intercettazioni

A inchiodarlo per le due ipotesi di reato non solo le testimonianze e la folle decisione di scappare, prima a Latina dove ha depositato il biglietto in banca e poi a Fiumicino per tentare di volare verso le Isole Canarie, ma anche un video delle telecamere del negozio e delle intercettazioni telefoniche. Scutellaro inizialmente aveva affermato di essere lui il reale proprietario del tagliando vincente. Ma poi gli elementi probatori raccolti dagli inquirenti (intercettazioni, immagini e video) lo hanno definitivamente incastrato.

Il video è dell’interno della tabaccheria di via Materdei. Questo mostra gli attimi della strabiliante vincita e la sottrazione del tagliando (per il quale Monopoli di Stato hanno bloccato la riscossione). Le intercettazioni sono quelle in cui Scutellaro avrebbe chiesto alla donna una parte della vincita per rendere il biglietto.

gratta-e-vinci

Fonte: Fanpage

Articolo precedenteGiuseppe Conte: “Vaccino obbligatorio? Non lo escludiamo”
Articolo successivoLogrono, scopre scambio alla nascita e chiede risarcimento: 3 milioni