Home Attualità Batterio killer Verona, 89 neonati coinvolti nel dramma: 7 indagati

Batterio killer Verona, 89 neonati coinvolti nel dramma: 7 indagati

3822
0
neonati
neonati

Batterio Killer Verona – Ecco cos’è successo all’Ospedale della Donna e del Bambino a Verona con il batterio killer: l’accaduto. Le ultime notizie dall’Italia aggiornate in tempo reale tutte le ultime news dal mondo 24 ore su 24.

Spuntano sette indagati nell’inchiesta sull’infezione da Citrobacter scoppiata all’Ospedale della Donna e del Bambino. Qui 89 neonati sarebbero stati uccisi o danneggiati dall’infezione. Il focolaio era scoppiato da un rubinetto contaminato, dal quale veniva attinta l’acqua per la preparazione del latte in polvere. Dopo lunghe e accurate indagini, la Procura di Verona, ha iscritto nel registro degli indagati sette persone – tra ex vertici e medici della struttura ospedaliera – con le ipotesi di reato di omicidio colposo e lesioni colpose gravi e gravissime in ambito sanitario.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Batterio killer Verona, sospesi tre medici

Batterio killer Verona, i 7 indagati

I sette professionisti oggetti di indagini erano già stati raggiunti da provvedimenti amministrativi da parte dell’azienda Ulss scaligera. Si tratta dell’ex direttore generale Francesco Cobello, attuale direttore della Fondazione Scuola Sanità Pubblica, e di Chiara Bovo, ex direttrice sanitaria e ora alla direzione della funzione ospedaliera a Schiavonia, nel Padovano. Indagati anche il direttore medico della struttura, Giovanna Ghirlanda, il primario di Pediatria, Paolo Biban, la direttrice del reparto di Malattie infettive, Evelina Tacconelli eGiuliana Lo Cascio, ex primaria facente funzioni del reparto di Microbiologia e Virologia, ora a Piacenza. Nell’inchiesta è finito anche Stefano Tardivo, risk manager della struttura.

Biban, Bovo, Ghirlanda e Lo Cascio erano stati sospesi il 5 settembre 2020, con un provvedimento dell’ex direttore generale Cobello, poi rientrati al lavoro. Al centro delle accuse dei Gip, le circostanze emerse nella relazione degli ispettori della Regione Veneto, secondo cui il focolaio epidemico era attivo fin dal 2018. In particolare legato all’utilizzo di acqua da un rubinetto contaminato per la preparazione del latte in polvere. Solo il 12 giugno 2020, quando i contagi aumentarono e partirono le proteste delle mamme delle piccole vittime, il punto nascite fu chiuso e sanificato. Batterio killer, a Reggio Emilia altre due morti imputabili a ‘chimera’.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Legionella a Bari nel reparto di oncologia dell’ospedale Giovanni Paolo II

ospedale-verona-batterio-killer
ospedale-verona-batterio-killer

Fonte: Il Resto del Carlino

Articolo precedenteRoberto Maccan, operaio travolto e ucciso in moto a 43 anni
Articolo successivoLuana D’Orazio, chiuse le indagini sulla sua morte