Home Covid Covid allarme OMS: “Europa rischia altri 236mila morti fino a dicembre”

Covid allarme OMS: “Europa rischia altri 236mila morti fino a dicembre”

1064
0
hans-kluge-oms
hans-kluge-oms

Covid allarme OMS – “Alcuni Paesi” nella regione europea “stanno cominciando ad avere un carico crescente sugli ospedali” causa Covid “e più morti. La scorsa settimana abbiamo avuto un aumento dell’11% nel numero dei decessi nella regione e una proiezione affidabile indica” che potrebbero esserci “236mila morti in Europa entro l’1 dicembre”.

Lo ha detto Hans Kluge, direttore regionale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per l’Europa, oggi durante il briefing di aggiornamento sulla situazione Covid nell’area. “Tre fattori pesano su questo aumento – ha spiegato – la variante Delta più trasmissibile, ora segnalata in 50 Paesi della regione”, su 53; “l’allentamento delle misure di sanità pubblica e un’impennata dei viaggi” in estate.

“Dobbiamo essere risoluti nel mantenere livelli multipli di protezione”, dalle “vaccinazioni” anti-Covid alle “mascherine”. “La vaccinazione è un diritto, ma è anche una responsabilità. E la stagnazione nella diffusione dei vaccini nella nostra regione è motivo di seria preoccupazione” ha sottolineato Kluge.

I vaccini “sono il percorso verso la riapertura delle società e la stabilizzazione delle economie – ha fatto notare – In circa 8 mesi sono state somministrate quasi 850 milioni di dosi, con quasi la metà della popolazione della regione completamente vaccinata. Questo è un risultato notevole. Tuttavia, nelle ultime 6 settimane, la diffusione della vaccinazione nella regione è rallentata, influenzata dalla mancanza di accesso ai vaccini in alcuni Paesi e dalla mancanza di accettazione dei vaccini in altri”.

Covid allarme OMS, le parole sull’evoluzione della pandemia

“Ora che le misure sanitarie e sociali sono state allentate in molti Paesi, l’accettazione della vaccinazione da parte del pubblico è fondamentale se vogliamo evitare una maggiore trasmissione, malattie più gravi, un aumento dei decessi e un rischio maggiore che emergano nuove varianti di preoccupazione”, ha continuato Kluge. “Ad oggi solo il 6% delle persone nei Paesi a basso e medio reddito della nostra Regione ha completato il ciclo vaccinale. Anche se quasi 3 operatori sanitari su 4 nella nostra regione hanno completato la vaccinazione, ci sono Paesi che sono riusciti a vaccinare solo 1 sanitario su 10. C’è una chiara necessità di aumentare la produzione, condividere le dosi e migliorare l’accesso ai vaccini degli Stati membri. Tutti, ovunque, dovrebbero avere il diritto di ricevere il ciclo vaccinale completo”.

“Lo scetticismo sui vaccini e la negazione della scienza ci impediscono di stabilizzare questa crisi” provocata da Covid. “Non serve a niente e non fa bene a nessuno”. E’ il duro monito del direttore regionale dell’Organizzazione mondiale della sanità per l’Europa che ha ribadito: “La partecipazione del pubblico è fondamentale per il successo della vaccinazione anti-Covid”.

E serve “comprendere le percezioni delle persone, incluso le loro preoccupazioni sulla sicurezza dei vaccini”, perché questo aiuta i Paesi a informare le comunità e gli operatori sanitari dove e quando necessario”, ha aggiunto Kluge. “È imperativo che le autorità sanitarie esaminino molto da vicino ciò che determina l’adozione della vaccinazione per ogni gruppo di popolazione e quindi stabiliscano interventi su misura a livello di comunità per aumentarne il livello”.

“Insieme agli Stati membri, l’Oms Europa – ha ricordato – ha sviluppato strumenti pragmatici e linee guida per identificare e risolvere i colli di bottiglia nei programmi di immunizzazione, consentendo ai paesi di basarsi sulle buone pratiche di altri Paesi. Questi strumenti sono a disposizione di ogni governo. Aumentare la produzione di vaccini, condividere equamente le dosi e guidare l’accettazione e la domanda di vaccini sono i 3 elementi fondamentali necessari per fa sì che si realizzi la promessa dei vaccini” come arma “per portare la regione europea oltre la pandemia”, ha concluso Kluge.

coronavirus-ospedale
coronavirus-ospedale

fonte: adnkronos.com

Articolo precedentePapa Francesco svela: “Un infermiere mi ha salvato la vita”
Articolo successivoIncidente monopattino Milano, muore ragazzo di 13 anni