Home Attualità Notte di San Silvestro 2020, le tradizioni più strane nel mondo

Notte di San Silvestro 2020, le tradizioni più strane nel mondo

852
2
notte-di-san-silvestro-2020-doodle-google
notte-di-san-silvestro-2020-doodle-google

Notte di San Silvestro 2020. Siamo giunti all’ultimo giorno dell’anno. Il 31 dicembre 2020. Mai come quest’anno, a causa della pandemia da Covid-19, in molti non attendevano altro che il giorno finale di questo 2020.

Per molti è stato un anno orribile, e voltare pagina con il 2021 alle porte è la cosa che più preme fare. A cavallo tra il 31 dicembre 2020 e il 1° gennaio 2021 c’è appunto la notte di San Silvestro, una delle ultime festività di dicembre nel mondo insieme al giorno dell’Epifania.

La Notte di San Silvestro è ricca di tradizioni in Italia, in questo articolo andremo a ripercorrere cosa si è soliti fare nell’ultima notte dell’anno. Dalle tradizioni culinarie a quelle fuori dalla tavola, passando per i fuochi d’artificio e i giochi in famiglia.

Quest’anno, 31 dicembre 2020, Google ha inoltre voluto dedicare un doodle speciale alla Notte di San Silvestro 2020. Il disegno rappresenta un orologio a cucù pronto a sancire la mezzanotte con tanto di scritta “2020” in bella mostra.

A causa delle restrizioni dovute all’emergenza Covid, che prevedono un coprifuoco dalle 22 del 31 dicembre alle 7 del mattino del primo gennaio, quest’anno sarà quasi certamente il Capodanno meno festeggiato di sempre.

Notte di San Silvestro 2020, le tradizioni più strane

In Italia si è soliti mangiare cotechino e lenticchie la notte di San Silvestro, poiché le lenticchie simboleggiano le possibili entrate economiche nel nuovo anno. Il tutto accompagnato dalla rottura dei cocci vecchi allo scoccare della mezzanotte insieme ai classici Fuochi D’artificio. Inoltre è una caratteristica tutta italiana quella dell’indossare indumenti intimi di colore rosso per l’ultima notte dell’anno.

Un po’ come per le lenticchie, anche gli acini d’uva simboleggiano le monete, e così si raccomanda di mangiarne a volontà per augurarsi abbondanza e benessere. La tradizione dell’uva ha anche origini spagnole, dove a mezzanotte alla Puerta del Sol di Madrid gli amanti sono soliti scambiarsi 12 chicchi d’uva.

A pochi minuti dalla mezzanotte si è soliti effettuare il conto alla rovescia fino alla mezzanotte precisa, quando è tradizione stappare una bottiglia di spumante o champagne e accompagnare gli auguri per il nuovo anno con un brindisi porta fortuna.

Quest’anno sarà tutto un po’ diverso, si festeggerà sicuramente in tono dimesso. Ma l’augurio per tutti i nostri lettori è che si possano aprire le porte per un nuovo anno ricco di buone notizie!

cenone-capodanno
cenone-capodanno
Articolo precedenteSuicidio imprenditore a Caserta, l’azienda era in crisi per il Covid
Articolo successivoLockdown Germania, si va verso la proroga di 2-3 settimane

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui