Home Attualità Cenisia, 90enne in lacrime: “Non ho soldi e ho fame”, gli agenti...

Cenisia, 90enne in lacrime: “Non ho soldi e ho fame”, gli agenti le comprano pollo con patate

1217
14
anziana-povera-vecchia-strada
anziana-povera-vecchia-strada

Cenisia – La notizia della 90enne in lacrime in strada nel quartiere di Torino: ecco cosa hanno fatto gli agenti della polizia per lei. Le ultime notizie dall’Italia e dal mondo aggiornate in tempo reale 24 ore su 24.

In lacrime in strada a quasi 90 anni, non mangiava da 12 ore,  in casa aveva credenza e frigo vuoto e nessun soldo per acquistare cibo. Lo hanno scoperto i poliziotti che hanno esaudito il suo desiderio di mangiare pollo arrosto con patate e l’hanno aiutata con la spesa. 

È successo nel quartiere Cenisia a Torino. Gli agenti delle volanti del commissariato San Donato hanno visto l’anziana che camminava con difficoltà in strada. L’hanno avvicinata per chiederle come stesse ma la donna è scoppiata in un pianto liberatorio, dicendo che era in difficoltà. Ha spiegato agli agenti di non aver bisogno di medici, che stava bene fisicamente ma di non riuscire a comprare quanto necessario per vivere. Proprio quello mattina era andata in banca per prelevare denaro e così far la spesa ma aveva scoperto di non aver più soldi. Risultava un prelievo di cui però non ricordava molto. 

La pattuglia ha effettuato dei controlli accertando che in effetti il conto era vuoto poi gli agenti hanno accompagnato la donna a casa. Quando hanno visto la credenza vuota e anche il frigo hanno pensato di aiutarla. “Vorrei pranzare con pollo arrosto e patate al forno”, era il desiderio della donna che non mangiava da più di 12 ore. Così i quattro agenti sono andati a comprare quanto desiderato e ad acquistare altro cibo per fare in modo che riuscisse ad avere quanto necessario per alcuni giorni. 

anziana-povera-vecchia-strada
anziana-povera-vecchia-strada

Fonte: Repubblica

Articolo precedenteConferenza Giuseppe Conte: “Non sarò leader di facciata per Beppe Grillo”
Articolo successivoChiara Gualzetti, un 16enne confessa l’omicidio: “Un demone dentro di me”