Home Attualità Gardesano – Sacerdote non riconosce figlia, giudice: “Non è obbligato”

Gardesano – Sacerdote non riconosce figlia, giudice: “Non è obbligato”

1726
1
sacerdote
sacerdote

Gardesano – La notizia che sta facendo discutere: ecco cos’ha deciso il giudice dopo che il sacerdote non ha riconosciuto la figlia. Le ultime notizie dall’Italia e dal mondo 24 ore su 24 tutte le ultime news aggiornate in tempo reale.

È una storia complessa quella che giunge dal Gardesano, nel Veronese, dove un sacerdote si è rifiutato di riconoscere la figlia pur essendo il padre biologico e il tribunale di Verona ha riconosciuto il suo diritto a non esercitare il suo ruolo di padre né a instaurare una relazione con la figlia naturale.

Il motivo, secondo il gip, è che risiede nel fatto che il prete, pur avendo avuto una figlia, ha deciso di continuare il ministero di sacerdote cattolico ed è stato autorizzato a farlo dalla commissione clericale, e per questo “non può essere forzato ad avere un atteggiamento paterno”.

La vicenda, riportata dal Corriere della Sera, inizia nel 2015 quando il parroco, all’epoca sacerdote in una chiesa nel Veronese, inizia una relazione amorosa con una donna di 43 anni di origini tedesche residente nel Gardesano: un legame, quello tra i due, dal quale nasce una bambina nel 2017, bimba che secondo la donna era voluta da entrambi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Don Graziano Gianola, precipita in montagna: è in gravi condizioni

Gardesano – La decisione del giudice

La piccola però al momento della nascita la riconosce solo la madre poiché il prete-papà si rifiuta asserendo di non voler fare il genitore. A quel punto, il parroco, dopo aver abbandonato la compagna e la figlia, “dopo 5 settimane dal parto”, si rivolge alla Chiesa confessando l’accaduto, e così dopo aver effettuato “un percorso di presa di coscienza ed autoesame”, viene autorizzato a continuare il suo ministero, e venendo traferito dal Veronese al Friuli.

Ed è proprio in base a questa scelta del parroco e della Chiesa, il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Verona, Paola Vacca, ha accolto la richiesta di archiviazione formulata al termine dell’inchiesta dalla pm Valeria Ardito, e ha stabilito che il sacerdote, avendo deciso di continuare a svolgere il ministero, non può essere forzato ad avere un atteggiamento paterno.

Per questo la madre della piccola, che aveva denunciato il parroco per “violazione degli obblighi di assistenza familiare”, potrà richiedere all’uomo solo un sostegno di natura economica così come disposto dal giudice che scrive: “Non si rinvengono profili di rilevanza penale nel fatto denunciato”. Se il contributo che lui già versa non fosse abbastanza, l’ importo può essere aumentato d’autorità dal Tribunale. Penalmente, però, non ha colpe.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Parroco Enna, violenza sessuale su minorenni: arrestato

tribunale-giudice-sentenza
tribunale-giudice-sentenza

Fonte: Fanpage

Articolo precedenteClio Make Up in lacrime racconta il dramma: “Oscar ha un tumore incurabile”
Articolo successivoAlluvione Germania, oltre 100 morti: tragedia immane

1 commento

Comments are closed.